San Giorgio Service - Via Rosselli n° 13 - Parma - PEC: sangiorgioservice@mypec.eu

Tel.+39 0521 782440 info@sangiorgioservice.com

Rottamazione Equitalia

Richiedi un preventivo gratuito e senza impegno compilando il modulo di richiesta sottostante o chiamando lo 0521 782440

Il Condono Equitalia, è stato introdotto dal decreto fiscale collegato alla Legge di Bilancio 2017 ed ha previsto la possibilità per i contribuenti, cittadini ed imprese, di fruire della cd. rottamazione cartelle esattoriali, ossia, una misura che consente allo Stato di recuperare almeno 4,5 miliardi di euro e alle famiglie, alle imprese e alle società, di cancellare i debiti Equitalia, fruendo di un cospicuo sconto sull’importo.

Nel testo della nuova Legge di Bilancio 2018, il Governo, ha previsto nuovamente il cd. Condono Equitalia 2018 anche se in realtà sarebbe meglio chiamare la misura come definizione agevolata dei carichi fiscali e contributivi meglio conosciuta con il nome di rottamazione cartelle di pagamento esattoriale.

Tra le novità 2018, la legge si è data la possibilità ai contribuenti che non hanno completato gli adempimenti per il condono, di mettersi in regola e quindi di accedere alle agevolazioni previste dalla rottamazione bis 2018: pagamento del debito iscritto a ruolo senza sanzioni ed interessi di mora.

Le novità Condono Equitalia 2018, sono:

  • Possibilità per il contribuente che non ha provveduto a pagare le rate di luglio e settembre, di mettersi in regola con i pagamenti entro il 7 dicembre 2017. Ciò consente a quei soggetti che per errori, disguidi o mancanza di liquidità non avevano potuto effettuare il pagamento, di essere riammessi al condono Equitalia.
  • Possibilità di accedere al condono per i debiti per i quali è stata respinta la domanda di adesione perché non i regola con il versamento delle rate, in scadenza al 31/12/2016, dei piani di dilazione in essere al 24 ottobre 2016. Tale opzione, può essere esercitata dal cittadino presentando un apposita domanda all’agente della riscossione entro il 31 dicembre 2017. I contribuenti interessati, devono comunque le rate non pagate entro il 31 maggio 2018, senza il versamento, il condono non può procedere.
  • Possibilità di richiedere il condono Equitalia 2018 per i carichi affidati all’agente della riscossione dal 1° gennaio 2017 al 30 settembre 2017. Per cui per tutte le cartelle notificate tra gennaio e settembre d quest’anno, è possibile aderire alla nuova rottamazione presentando la domanda rottamazione bis entro il 15 maggio 2018 e pagando le somme condonate in massimo 5 rate, la prima da versare entro il 31 luglio 2018 e l’ultima il 28 febbraio 2019.

La rottamazione cartelle esattoriali, è la possibilità concessa dallo Stato, ai contribuenti, di poter richiedere la definizione agevolata dei debiti iscritti a ruolo dall’agente di riscossione ed Equitalia, oggi Ader, Agenzia Entrate Riscossione, notificati dal 1° gennaio 2017 al 30 settembre 2017, ma non pagati entro i consueti 60 giorni.

Attraverso questa definizione agevolata, detto anche condono Equitalia, i contribuenti, le famiglie, le società, le imprese e i professionisti, hanno la possibilità di cancellare i propri debiti, pagando la cartella di pagamento senza interessi, sanzioni e more, fatta eccezione per le multe stradali che fruiscono solo della sanatoria sugli interessi e maggiorazioni.

In base alla nuova normativa, pertanto, con il condono Equitalia si pagano:

  • Interessi da ritardata iscrizione al ruolo;
  • Somme maturate a titolo di aggio, che possono variare dal 3 al 9%, da calcolare solo sulla parte capitale e sugli interessi;
  • Spese per le procedure esecutive;
  • Spese di notifica della cartella.
  • Riguardo le cartelle multe stradali, oltre all’importo di base, il debitore deve pagare l’aggio della riscossione e le eventuali spese di esecuzione e notifica della cartella.

Attraverso la nuova Rottamazione cartelle non si pagano:

  • Sanzioni sulle somme da pagare, fatta eccezione per le multe condonate;
  • Interessi di mora;
  • Somme aggiuntive dovute sui contributi previdenziali.

I beneficiari della nuova Sanatoria Equitalia, in realtà Rottamazione cartelle Equitalia, sono:

  • Tutti i contribuenti che hanno ricevuto una cartella di pagamento tra il 1° gennaio 2017 ed il 30 settembre 2017:
  • Persone fisiche, per cui famiglie;
  • Società;
  • Imprese;
  • Professionisti.
  • Tutti i contribuenti che hanno chiesto una rateizzazione di una cartella, purché in regola con i versamenti delle rate. In questi casi, l’Agente, provvede a ricalcolare l’importo della nuova cartella condonata, tenendo conto di quanto già versato come capitale e interessi legali, aggio e spese di rateazione e notifica della cartella.

Attraverso il condono Equitalia, pertanto, tutti questi contribuenti hanno la possibilità di sanare il proprio debito, ossia, di cancellare i debiti Equitalia, pagando le vecchie cartelle senza sanzioni ed interessi mentre è dovuto l’aggio calcolato sul capitale.

In altre parole, grazie al condono Equitalia 2018, i beneficiari della rottamazione cartelle, possono ottenere così un considerevole sconto sull’importo della cartella di pagamento, un risparmio che secondo i primi calcoli dovrebbe attestarsi sul 30-40%% ma molto dipenderà dal tipo di sanzione applicata, l’imposta omessa e quanto è vecchia la cartella.

A tal riguardo vieni a chiedere una prima consulenza gratuita presso il nostro studio. Con l’aiuto dei nostri migliori professionisti del settore riusciremo a trovare la giusta soluzione al tuo problema e i vantaggi da trarre attraverso la nuova rottamazione delle cartelle esattoriali.

Tale ricorso va presentato all’autorità giudiziaria competente ed entro i termini indicati sul provvedimento di riscossione, pari a 60 giorni dalla notifica dell’atto, nel caso di accertamento esecutivo.

Nel caso di avviso di addebito invece, il termine per contestare l’importo varia, tuttavia non eccede i 90 giorni dalla data di notifica dell’avviso. Se la commissione tributaria accoglie il ricorso in tutto o in parte, dispone l’annullamento dell’atto e il provvedimento di sgravio che deve essere emesso dall’ente creditore, ovvero l’ente che ha richiesto all’Agente della riscossione di notificare la cartella di pagamento.

LA PROCEDURA DI SGRAVIO NEL RICORSO CARTELLE AGENZIA ENTRATE RISCOSSIONE (EX EQUITALIA)

Per mezzo della procedura di sgravio, l’ufficio dell’ente creditore invia all’agente della riscossione un provvedimento di annullamento, in tutto o in parte, dell’ordine di incasso contenuto nella cartella esattoriale perché non sono più dovute le somme richieste.

Possono verificarsi i casi di sgravio della cartella esattoriale in caso di autotutela; sgravio della cartella esattoriale a seguito di decisione della Commissione Tributaria; sgravio della cartella esattoriale a seguito di sentenza favorevole del Giudice di Pace.

Contattaci adesso, riceverai al più presto un preventivo gratuito.

rottomazione-cartelle-equitalia

Addio ai debiti dell’Agenzia delle Entrate-Riscossione, già EQUITALIA

Valutazione GRATUITA.

I tuoi debiti ti opprimono? Scopri come possiamo aiutarti. Pre-analisi GRATUITA.

03

Anatocismo e usura. Pre-analisi GRATUITA